Vai al contenuto

Posts contrassegnato dai tag ‘libri’

Dieta, la rivincita dei grassi: per il cuore, è meglio tagliare i carboidrati. Meditazione, rituali e Dervisci nel nuovo #NOW

Grasso è bello e, a quanto pare, persino buono. È questo il risultato dello studio pubblicato da poco sugli Annals of Internal Medicine di Filadelfia in Pennsylvania, secondo cui, per chi desidera perdere peso riducendo i rischi cardiovascolari, una dieta a basso contenuto di carboidrati è più efficace di quella che tiene sotto controllo i grassi. Praticamente una rivoluzione nel campo della dietetica, forse un sacrilegio per chi, come noi italiani, adora da sempre il grano nelle sue varie forme: pane, pasta, pizza, biscotti, etc.

Naturalmente esistono diversi tipi di grassi, e non significa che possiamo mangiare patate fritte o gorgonzola a volontà. Sono in realtà i grassi insaturi quelli che migliorano la nostra salute, possono aiutarci a dimagrire e, addirittura, riescono ad abbassare il rischio di attacco cardiaco negli obesi (come si dichiara anche sul New England Journal of Medicine). Tra questi troviamo: olio di oliva, noci, mandorle, frutta secca in generale e avocado. Nella dieta proposta sono ammesse inoltre uova, formaggio e yogurt in quantità moderata, oltre a carne bianca e pesce.

olio

Nello studio durato un anno, cui hanno partecipato 148 persone, i soggetti che hanno ridotto i carboidrati a favore di grassi hanno perso mediamente circa 4 chili in più, migliorando anche il livello di colesterolo ‘buono’ nel sangue. Al contrario, nutrirsi di carboidrati raffinati (come zucchero e pane bianco) fa crescere il livello sanguigno di lipoproteine LDL, ma soprattutto tende a ridurre le dimensioni delle singole particelle, aumentando il rischio di aterosclerosi.

Beninteso, una dieta equilibrata ha bisogno dei tre gruppi alimentari: carboidrati, proteine e grassi. Questi ultimi in particolare servono a mantenere in buona salute il nostro sistema nervoso, compreso il cervello e le membrane cellulari. Anche i carboidrati sono un’importantissima componente della dieta, soprattutto se integrali e non processati industrialmente. Nella dieta illustrata nello studio, le proteine non sono state sempre fornite da carne e pesce, ma alcuni soggetti hanno praticato con successo un regime vegetariano utilizzando tofu e legumi. Insomma la dieta Mediterranea resta la migliore al mondo, ma se vogliamo perdere peso, proviamo a ridurre i carboidrati piuttosto che i grassi.

Leggi il resto dell’articolo su Huffington Post

Annunci

Meditazioni di primavera

Anche nella frenesia di Roma è possibile trovare luoghi e tempi per rallentare i pensieri ed entrare in contatto con il proprio mondo interiore. Due gli appuntamenti da non perdere, tra la fine di aprile e i primi di maggio, per coloro che desiderano approfondire la pratica della meditazione profonda accompagnati da grandi maestri del nostro tempo.

Continua a leggere