Vai al contenuto

Articoli dalla categoria ‘Friends’

Arjan Bouw & Willemijn De Dreu: join the dance in North America!

Willemijn de Dreu and Arjan Bouw are both passionate dancers, experienced 5Rhythms teachers and well known in Europe for their authentic and grounded style of teaching (Waves and Heartbeat levels). They live in the Netherlands (Dansendhart.nl), traveling and teaching through Canada and United States this summer. Come and dance with all that you are.

Please find more details about their 2014 North American Tour

Continua a leggere

Annunci

Come scuotere via lo stress imparando dalle gazzelle.

“Sullo sfondo del mio computer c’è una foto con delle gazzelle, sono diventate il mio modello di comportamento”, scrive Arianna Huffington, fondatrice di questo giornale, editrice e scrittrice di origine greca, nel suo ultimo libro Cambiare Passo. “Corrono e fuggono di fronte a una minaccia (come un leopardo o un leone che si avvicina), ma appena il pericolo è scampato si fermano e ritornano a brucare l’erba pacificamente senza preoccuparsi di niente al mondo. Gli esseri umani non riescono a distinguere tra pericoli reali e immaginari. Come spiega Mark Williams, il segnale d’allarme si attiva nel cervello non solo per un timore presente, ma anche a causa di minacce passate e preoccupazioni future. Quindi quando gli esseri umani pensano a pericoli e perdite, anche nella situazione presente, il sistema di fuga nel corpo non si disattiva una volta passato il rischio. Al contrario delle gazzelle, noi non smettiamo di correre”.

E se provassimo la tecnica della gazzella per un giorno?

Leggi il resto dell’articolo su L’Huffington Post

IKN

 

Costruisci un aquilone e disinnesca il pilota automatico! Piccoli consigli di mindfulness contro il logorio della vita moderna

“Improvvisare è la cosa più normale del mondo”, spiega Stephen Nachmanovitch, violinista spontaneo, musicista e autore. “Improvvisiamo ogni volta che pronunciamo una frase, ma ci viene detto venerando i maestri che il processo creativo è qualcosa di misterioso e divino, accessibile solo a poche persone – mentre invece improvvisiamo per tutto il tempo, creando in continuazione”.

Nachtmanovitch è stato un pioniere negli anni Settanti d’improvvisazione al violino, viola e violino elettrico. Autore del libro Il gioco libero della vita, tiene conferenze in tutto il mondo diffondendo il valore della creatività e gli insegnamenti del suo celebre maestro Gregory Bateson.

Lasciamoci ispirare dal presente, cosa stiamo creando nella nostra vita oggi?

Leggi i consigli di Now su L’Huffington Post

Little girl brushing her teeth

Il coraggio di inseguire i sogni, anche nel dolore

Non puoi avere sempre ciò che vuoi” – scriveva Mick Jagger nel 1968 in una famosa canzone pubblicata nell’album Let it bleed – “ma se ogni tanto ci provi, potresti ottenere ciò di cui hai bisogno”.

Il famoso cantante dei Rolling Stones sembra aver ottenuto quasi tutto nella vita, eppure il successo non deve averlo risparmiato da emozioni forti e grandi dispiaceri, come quest’ultimo di aver perso la sua compagna. Forse, una delle cose che rende autentica la nostra esistenza è la capacità di accettare e vivere in maniera incondizionata quello che arriva in ogni momento.

Auguriamo a Mick di mantenere vivo lo spirito che ha fatto nascere la sua vecchia canzone, anche in un momento così difficile. Il coraggio di continuare a inseguire i propri sogni, adattandoci a quello che ci troviamo di fronte, è una risorsa eterna.

Leggi gli stratagemmi di Now per affrontare i presente su L’Huffington Post

kubera_mudra

Anche nella posizione più scomoda puoi trovare la libertà

 

“Non sono malata. Sono rotta. Ma sono felice, fintanto che potrò dipingere”. Così diceva Frida Kahlo, l’affascinante pittrice messicana diventata il simbolo dell’avanguardia artistica e dell’esuberanza della cultura messicana del Novecento. Ad appena 18 anni, Frida fu vittima di un incidente stradale che le provocò danni gravissimi: fu costretta a letto per moltissimo tempo e il dolore non l’abbandonò mai. Ciononostante, era felice perché poteva dipingere, poteva tradurre in forme e colori il suo sterminato mondo interiore. Questa puntata di Now, la nostra rubrica dedicata all’arte quotidiana della consapevolezza e della felicità, è ispirata a lei.

Leggi i tre consigli di felicità quotidiana su L’Huffington Post

Frida-Kahlo-006

Lou Reed, cosa possiamo imparare dai suoi ultimi istanti

Non ho mai visto un’espressione piena di meraviglia come quella di Lou nel momento della sua morte”, ha scritto l’artista musicale Laurie Anderson, dopo la morte di suo marito Lou Reed. “Le sue mani stavano facendo la ventunesima forma del tai chi, che rappresenta lo scorrere dell’acqua. Aveva gli occhi spalancati. Stavo tenendo tra le braccia la persona che amavo di più al mondo, e gli parlavo mentre stava morendo. Il suo cuore si è fermato. Non aveva paura. Ero riuscita a camminare insieme a lui fino alla fine del mondo. La vita – così bella, dolorosa e stupefacente – non può essere migliore di così. E la morte? Penso che il senso della morte sia la liberazione dell’amore“.

Essere presenti a se stessi nella vita è una grande capacità, ma riuscirci nella morte lo è ancora di più.

Leggi l’ultima puntata di Now su L’Huffington Post

sci-adena-pipe-art-g1joa310-1sci-adena-pipe-2-2-jpg

Musica da assaporare (magari in formato vinile), earthing e cambio di lato

1) Eliminare i sensi di colpa. 2) Non fare dalla sofferenza un culto. 3) Vivere nel presente (o almeno nell’immediato futuro). 4) Fare sempre le cose di cui si ha più paura; il coraggio è una cosa che s’impara a gustare col tempo, come il caviale. 5) Fidarsi della gioia. 6) Se il malocchio ti fissa, guarda da un’altra parte. 7) Prepararsi ad avere ottantasette anni.

Sono le regole scritte nel libro “Come salvarsi la vita” dalla poetessa Erica Jong, nata a New York nel 1942 e diventata famosa per la franchezza con cui parlava di sesso negli anni Settanta.

Leggi i tre consigli di felicità su L’Huffington Post

r-MANI-403xFB